LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO

Quasi un cubo, un quadrato di 10 x10 metri in pianta e più di 9 metri in altezza, con una copertura di vetro a shed, questo loft è una porzione di un grande intervento: il recupero della Fabbrica Cavi Pirelli, disegnata da Giò Ponti negli anni ’50, dismessa da anni e poi frazionata e venduta in lotti a formare una cittadella di loft per professionisti e creativi al sud di Milano.
All’inizio vi era solo il guscio esterno, uno spazio totalmente vuoto con pochi elementi forti come le grandi travi di cemento armato e la cascata di luce dall’alto a testimonianza della vita precedente.
Il cliente, fotografo, voleva creare uno spazio flessibile, aperto e neutro, da cedere come location per servizi fotografici e produzioni cinematografiche.
Nel livello interrato abbiamo progettato uno scavo per ricavare ulteriore spazio da destinare a deposito con luce naturale proveniente da una lastra di vetro semiriflettente inserito a filo del pavimento del piano terra.
8&a Architetti LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO 2005 01 8&a Architetti LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO 2005 02 8&a Architetti LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO 2005 03Al piano terra abbiamo previsto un pavimento di cemento gettato, per resistere ai grandi carichi e colorato con ossido nero (colore chiesto dal cliente) durante la levigatura per resistere meglio all’usura.
8&a Architetti LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO 2005 04Sotto il pavimento abbiamo previsto un riscaldamento a pannelli di ultima generazione, con acqua a bassa temperatura, combinato con caldaia a condensazione funzionante a “cascata” per risparmiare gas, per evitare la dispersione del calore dovuta all’altezza dello spazio e alla copertura vetrata, e per liberare i muri dai caloriferi.
Al primo piano grazie ad una deviazione arbitraria di 15° degli assi della pianta, i volumi e le superfici sfuggono all’ortogonalità creando un effetto più dinamico;
8&a Architetti LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO 2005 05 8&a Architetti LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO 2005 06 8&a Architetti LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO 2005 07Qui parte del pavimento è stato realizzato in lamiera di ferro trattata con acidi per ottenere un effetto cromatico di ruggine e sono stati eseguiti dei fori per inserirvi lastre di vetro bronzato che lasciano penetrare la luce naturale al piano di sotto e ne scaldano il tono.
8&a Architetti LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO 2005 08 8&a Architetti LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO 2005 09_cop 8&a Architetti LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO 2005 10 8&a Architetti LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO 2005 11 8&a Architetti LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO 2005 12Foto di Sandro Sciacca
Impresa esecutrice Edil Pietro srl
8&a Architetti LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO 2005
8&a Architetti LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO 2005   8&a Architetti LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO 2005 8&a Architetti LOFT PER UN FOTOGRAFO A MILANO 2005