L’ESPRESSO, ottobre 2003