GALLERIA GUENZANI A MILANO

La Galleria d’arte Guenzani nasce dalla radicale ristrutturazione di un’officina meccanica.
La Galleria è costituita da due ambienti: il primo è lo spazio espositivo, concepito come una “scatola bianca” di muri e di luce, in cui l’artista sia libero di creare la sua installazione – il pavimento resiste al peso di oltre 800kg/mq – e lo spettatore possa fruirla senza elementi di “distrazione”; il secondo è uno spazio, più riservato, con elementi non finiti per mantenere nella memoria l’idea di laboratorio dove si produce.
La parte espositiva ha ampie vetrate orientate a sud dotate di vetri satinati antiriflesso per ottimizzare la diffusione della luce diurna sulle opere e luci artificiali incassate nel soffitto per omogeneizzare l’illuminazione sulle superfici.
8&a Architetti Galleria Guenzani Milano 2003 01 8&a Architetti Galleria Guenzani Milano 2003 02 8&a Architetti Galleria Guenzani Milano 2003 03 8&a Architetti Galleria Guenzani Milano 2003 04 8&a Architetti Galleria Guenzani Milano 2003 05Il secondo ambiente, dove ci sono il deposito dei quadri, un’opera di Garutti incastonata nel pavimento di cemento, un mezzanino con scaletta alla marinara e il bagno, si trova al di là di una parete-diaframma di 10 cm di spessore, ruotante su cuscinetti in bronzo, che crea separazione e permeabilità e permette il passaggio di grandi opere.
La parete, come tutto il resto, è stata realizzata artigianalmente su disegno.8&a Architetti Galleria Guenzani Milano 2003 06 8&a Architetti Galleria Guenzani Milano 2003 07 8&a Architetti Galleria Guenzani Milano 2003 08 8&a Architetti Galleria Guenzani Milano 2003 09 8&a Architetti Galleria Guenzani Milano 2003 10 8&a Architetti Galleria Guenzani Milano 2003 11

Collaboratore Arch. Samuele Bianchi

Foto di Carlo Valsecchi
Impresa esecutrice Edil Pietro srl

8&a Architetti Galleria Guenzani Milano 2003 8&a Architetti Galleria Guenzani Milano 2003